Dario Fo per le vittime dell’amianto

 

Dal testo del catalogo “Dario Fo a Milano. Lazzi Sberleffi Dipinti”:

Il 14 febbraio 2012 si è concluso a Torino il processo per una strage orrenda, un massacro di lavoratori: più di quattromila morti causati dall’amianto in tre luoghi diversi d’Italia. Ma, come ha dichiarato la moglie di una delle vittime, di Casale Monferrato, “i morti continueranno ancora chissà per quanti anni; oggi, a cinquanta-sessant’anni d’età, stanno morendo uomini che allora erano bambini e che giocavano ignari fra gli scarti di amianto abbandonati”.
I due imprenditori responsabili dei ripetuti delitti sono stati condannati a sedici anni di carcere, ma non se ne sconteranno nemmeno uno di galera, giacché abitano all’estero, uno in America Latina, l’altro a Bruxelles. Evviva! Potranno vivere gli anni che resto loro felici e danzanti, se ci riescono! Il numero dei morti per gli incidenti sul lavoro è a dir poco impressionante: non c’è settimana in cui non si contino vittime, come in guerra. Quando sentite l’urlo della sirena di un’ambulanza, pensare che una su cinque sta portando al pronto soccorso un lavoratore, maschio o femmina, caduto per la logica che dice: “Il progresso e la produzione vogliono le loro vittime”.
I feriti che poi rimarranno invalidi vivranno come rifiuti della società. Il profitto li costringe a un’esistenza di terza categoria. Una vittima di quarant’anni che in un incidente ha perso le gambe, racconta: “Spesso mi sogno di correre e tuffarmi nell’acqua come da ragazzo. Ciò che mi dà maggior rabbia è che gli imprenditori colpevoli del mio stato sono liberi e possono correre e danzare quanto gli pare”.
 

 

INCIDENTI MORTALI SUL LAVORO di Dario Fo

2011 - Opera realizzata con tecnica mista su tela

Fonte: Catalogo “Dario Fo a Milano. Lazzi Sberleffi Dipinti” ed. Mazzotta, Milano, 2012

Clicca qui per vedere l'immagine più grande.

Le opere di Dario Fo in mostra a Genova: inaugurazione venerdì 21 novembre al Teatro Verdi

Dario Fo pittore

Inaugurazione venerdì 21 Novembre alle 16,30 al Teatro Verdi di Sestri Ponente, Piazza Oriani 7, il teatro storico ed attuale dei Sestresi e non solo, palcoscenico ideale per Dario Fo che si racconterà alla cittadinanza.

Un'occasione imperdibile per conoscere il lato, forse meno noto, di un artista davvero poliedrico.

Dal 21 novembre all’ 8 dicembre 2014 nel Salone di Palazzo Fieschi di via Sestri 34, messo a disposizione dal Municipio Medio Ponente, che dà il suo patrocinio all’iniziativa proposta da alcuni sestresi, si potranno ammirare una serie di quadri e litografie dell’artista. Le figure liberate dalla loro staticità,in un movimento perenne,e l’ampio uso del colore sono i motivi dominanti dell’intera rassegna.

L’ avvenimento clou, completamente gratuito, avrà luogo il 21 Novembre al Teatro Verdi di Piazza Oriani 7, il teatro storico ed attuale dei Sestresi e non solo, palcoscenico ideale per Dario Fo che si racconterà alla cittadinanza.

La sua performance terminerà con un intervento musicale della Filarmonica Sestrese che ci farà ascoltare alcuni pezzi tratti dal Mistero Buffo.

La mostra a scopo benefico sarà rivolta al Comitato “Nobel per i disabili” costituito da Dario Fo e Franca Rame grazie al premio ricevuto a Stoccolma. Come dice il curatore nella presentazione del catalogo la mostra vuole essere una occasione per far conoscere le opere pittoriche di un genio dell’immagine e della parola.

Accanto alla Mostra ci saranno numerosi eventi collaterali grazie al coinvolgimento delle Scuole del Municipio, della Filarmonica Sestrese ,del Gruppo Storico Sestrese in costume d’epoca, del Coro dei Tenori del Carlo Felice, dell’Auser di Sestri Ponente.

Le iniziative:

- lunedi 24 Novembre 2014 ore 21.00 Concerto vocale di musica fiamminga Coro Simone Molinari Salone Palazzo Fieschi Via Sestri 34

- venerdì 28 Novembre ore 14.30 Spettacolo Canti di Acque della Scuola Carducci Atrio Palazzo Fieschi Via Sestri 34

- sabato 29 Novembre 2014 ore 16.00 e ore 17.00 Rappresentazione del Gruppo Auser Costa di “Buongiorno Italia dagli spaghetti al dente” con un progetto di Carmela Minniti e di Ivano Malcotti e la Regia di G.de Virgiliis Atrio Palazzo Fieschi

- 4 dicembre ore 17.00 2014 Proiezione di alcune parti del “Mistero buffo” Sede Anpi via Vigna 45

- 5 dicembre ore 17.00 Conferenza “Fotografie,Fiabe,psicoanalisi”a cura di Carla Iacono Salone Palazzo Fieschi Via Sestri 34

E altre iniziative ancora in corso di definizione…….

La Mostra di Dario Fo a Palazzo Fieschi via Sestri 34 sarà aperta al pubblico tutti giorni dal 21 Novembre all’8 dicembre 2014 con il seguente: orario 9.00-13.00 15,30-19.00 - Ingresso gratuito

"Una Callas dimenticata" scritto da Dario Fo e Franca Rame debutta il 28 novembre alle 21 al Teatro degli Arcimboldi (Milano)

  UNA CALLAS DIMENTICATA

scritto da Dario Fo e Franca Rame

con Dario Fo e Sara Bellodi, Roberta De Stefano, Jacopo Zerbo

assistente alla regia Fabrizio De Giovanni

con la collaborazione di Jessica Borroni, Michela Casiere, Chiara Porro, Luca Vittorio Toffolon,

direttore di scena Maria Chiara Di Marco

produzione COMPAGNIA TEATRALE FO RAME

organizzazione ITINERARIA TEATRO

Dario Fo torna in scena al Teatro Arcimboldi con un lavoro inedito su Maria Callas, l’ultimo scritto a quattro mani con Franca Rame.

Dopo il grande successo della scorsa primavera con “Lu Santo Jullàre Francesco”, Dario Fo sarà di nuovo sul palcoscenico del Teatro degli Arcimboldi con un lavoro inedito ispirato alla vita di Maria Callas.  Il Premio Nobel avrebbe dovuto mettere in scena lo spettacolo scritto a quattro mani con la moglie Franca Rame a maggio 2013, ma quest’ultimo fu cancellato proprio a causa della morte improvvisa della compagna di vita.

‘Una Callas dimenticata’ ripercorre tutta la vita del soprano greco nato a New York nel 1923. Dai trionfi all’oblio, dal palcoscenico alla vita fuori dalla scena, Fo e Rame hanno scritto un dialogo a tre voci dove la Divina racconta sé stessa senza risparmiare ironia e sarcasmo. Un crescendo di avvenimenti che avvicinano il racconto dell’incomparabile interprete alla farsa grottesca – con il resoconto dei primi anni all’insegna della voracità non solo artistica della piccola Maria e con l’irresistibile racconto del leggendario dimagrimento – e contemporaneamente alla tragedia greca, con il declino degli ultimi anni e la tormentata storia d’amore con Aristotele Onassis; senza tralasciare tutti gli incontri fondamentali della vita di Maria: dalle prime insegnanti di canto, al marito e manager Giovanni Battista Meneghini, fino ad arrivare a Luchino Visconti, che tiene per lei una grande lezione sull’arte del palcoscenico.

E, chiaramente, non può mancare il fondamentale contributo musicale, che in questo caso si avvarrà delle registrazioni originali rimasterizzate da Warner Classics.

Un meraviglioso reportage di vita e di palcoscenico, che ripercorre tutta l’esistenza del soprano greco che ha dato vita anche ad un libro edito da Franco Cosimo Panini, impreziosito dalle tavole di enorme carica espressiva realizzate da Fo con i pittori del suo atelier e riprodotte nel volume a tutta pagina.

Racconta Fo: “Personalmente ho conosciuto questa eccezionale soprano quando avevo poco più di 20 anni. Lei ne aveva due o tre più di me. Frequentavo l'Accademia di Brera e tutti noi allievi spesso eravamo ingaggiati dalla Scala, nello spazio dedicato alla scenografia, per rinfrescare i fondali e i drappi di repertorio per i nuovi allestimenti.

Da un trabattello sul quale stavo lavorando ho notato una ragazza piuttosto avvenente che attraversava tranquillamente il palco, transitando come niente fosse tra le quinte sotto le graticce cariche di strutture penzolanti.

Preoccupato le ho gridato: “Fermati, è pericoloso attraversare il palco in questo momento! Non vedi che dalla soffitta stanno calando centine e colonnati della scena? Dove stai andando? Vuoi finire schiacciata come una sfogliatella?”

E lei: “Sto andando in proscenio, stiamo provando lì”.

All'istante arrivò il responsabile del montaggio che disse: “Non si preoccupi signora Callas, ci penso io”; e così le fece strada prendendosela per mano e l'accompagnò passando da dietro le quinte. Poi la sentii cantare.

Tutti noi ragazzi della scenografia ci bloccammo, scendemmo da scale e praticabili. Quindi, badando di non dare nell'occhio, ci avvicinammo al proscenio: di lì a poco eravamo tutti seduti sul pavimento dietro le quinte, ad ascoltare affascinati l'aria di Casta Diva. Alla fine, non abbiamo potuto trattenerci dall'applaudire, il direttore di scena ci cacciò dal palco come degli intrusi: “Peggio, dei guardoni musicali... non si ascolta di nascosto una soprano come questa!”

 

INFO E PRENOTAZIONI

UNA CALLAS DIMENTICATA  di Dario Fo e Franca Rame

28 novembre 2014 – ore 21.00 TEATRO degli ARCIMBOLDI – Viale dell’Innovazione 20 – Milano

PREZZI

Intero: 15 euro posto unico

Ridotto: studenti under 25 anni e anziani over 65 - 10 euro

Prevendita 1,50 euro

BIGLIETTERIA I biglietti sono in vendita presso la biglietteria del Teatro degli Arcimboldi Dal lunedì al venerdì dalle 14.00 alle 18.00 orario continuato

Vendite on line su www.ticketone.it

Ufficio gruppi: promozione.arcimboldi@ipomeriggi.it

DARIO FO UNA CALLAS DIMENTICATA scritto da Dario Fo e Franca Rame con Dario Fo produzione COMPAGNIA TEATRALE FO RAME organizzazione ITINERARIA TEATRO

info@itineraria.it – tel. 02.25396361

Ciulla, il grande malfattore: il nuovo libro di Dario Fo e Piero Sciotto dal 6 novembre in libreria

 

Domenica 16 novembre alle ore 20.30

Dario Fo e Piero Sciotto chiuderanno Bookcity Milano con un evento al Piccolo Teatro Studio Melato, dove metteranno in scena la storia di Paolo Ciulla, il grande malfattore.

Scandali finanziari, abusi edilizi, corruzione politica e una crisi economica che arricchisce i pochi e impoverisce le masse. È Roma nel 1884, quando ci arriva Paolo Ciulla, giovane omosessuale siciliano assai versato nel disegno. Vuole studiare architettura e diventare un artista: non ci riuscirà. In compenso anni dopo, in una Catania sconvolta dalla dura repressione degli scioperi agrari e del movimento dei Fasci siciliani, verrà a galla il suo vero genio: quello per la falsificazione di banconote. È solo l’inizio di una “carriera” che si dipanerà per laboratori e stamperie, banche e taverne, trasformandolo in un paladino dei poveri messi in ginocchio dalla crisi.

Paolo Ciulla, anarchico, criminale, benefattore, è un antieroe contemporaneo e la sua Italia è la nostra. Le sue avventure, raccontate con stile trascinante in questo romanzo dal vero, attraversano e illuminano un Novecento italiano che non è stato il secolo breve, ma il più lungo: iniziato nel 1861, non è ancora finito. L’interrogatorio di Ciulla, uno dei primi grandi processi mediatici del nostro Paese, ha il ritmo di una pièce teatrale: quasi cieco per le sperimentazioni con gli acidi, ma ironico e indomito, il principe dei falsari per giorni tiene testa a giudici e pubblici ministeri. Fino all’apoteosi finale, il più grande momento di gloria: il riconoscimento pubblico di un italianissimo genio.

Dario Fo nasce il 24 marzo 1926 a San Giano, provincia di Varese, dove suo padre era capostazione. Diplomato all’Accademia di Brera, frequenta il Politecnico, ma scopre in fretta la vocazione per il teatro e per la satira. Comincia a scrivere testi per la radio, poi debutta in scena con Franco Parenti e Giustino Durano. È l’inizio di una fortunata e lunga carriera che lo porterà, tra successi e censure, a venire rappresentato in tutto il mondo, con commedie politiche che attingono alla cultura popolare e alla cronaca di tutti i giorni. Nel 1997 riceve il premio Nobel per la letteratura. Guanda ha pubblicato: Il mondo secondo Fo. Conversazione con Giuseppina Manin, L’amore e lo sghignazzo, L’Apocalisse rimandata, Una vita all’improvvisa, scritto con Franca Rame, La Bibbia dei villani, L’osceno è sacro, Il Boccaccio riveduto e scorretto, Il Paese dei misteri buffi e Un clown vi seppellirà, gli ultimi due scritti con Giuseppina Manin.

Piero Sciotto ha lavorato fra teatro, musica e produzione con Dario Fo e Franca Rame per circa vent'anni, dalla Palazzina Liberty al Nobel. Prima e dopo per altri quindici con il Nuovo Canzoniere di Ganni Bosio, Eugenio Barba, Giovanna Marini, Franco Parenti, Atahualpa Yupanqui, Pep Bou, Jango Edwards, teatri, compagnie e istituzioni, e una rubrica su L'Unità per quattro anni. Ricordiamo i suoi due libri con Massimo Bucchi, Moriente e Uccidente (Bompiani 1999) e A mare il prossimo (Lupetti 2014).

Intervista a Dario Fo andata in onda a IL TEMPO E LA STORIA su RAI TRE

Dario Fo racconta di Lucrezia Borgia all'interno di una puntata del programma Il Tempo e la Storia andata in onda il 20 ottobre 2014 dedicata ai carteggi di Lucrezia Borgia, duchessa d’Este, durante la sua permanenza a Ferrara..

Per vedere il video clicca qui (dal min. 37.58)

Alcuni minuti di questa intervista andranno in onda anche lunedì 27 ottobre all'interno dello stesso programma.

L'intervista integrale verrà invece trasmessa il 27 ottobre alle 20.30 su RaiStoria.

Syndicate content