RAZZA DI ZINGARO di Dario Fo - Rassegna Stampa

Razza di zingaro

 

• Articolo pubblicato sul Corriere della Sera il 13-01-2016

 

Clicca sull'immagine per scaricare il pdf

 

• Articolo pubblicato su Ansa.it il 12-01-2016

Dario Fo, lo zingaro boxer che sfidò SS

(ANSA) - ROMA, 12 GEN - DARIO FO, RAZZA DI ZINGARO (CHIARELETTERE, PP 160, EURO 16,90). Scopre la boxe da bambino, ha grande talento e conquista strepitose vittorie ma uno zingaro come Johann Trollman, vissuto tra il 1907 e il 1943, non può essere campione. A lui il titolo è negato nella Germania nazista. La storia terribile, dimenticata, di un uomo a cui le strade del successo e degli affetti sono sbarrate viene ricostruita da Dario Fo nel suo nuovo libro 'Razza di zingaro' che esce per Chiarelettere con le preziose illustrazioni, tra cui quella di copertina, disegnate e dipinte dal Nobel con la collaborazione di Michela Casiere e Jessica Borroni. [continua a leggere...]

 

• Articolo pubblicato su ADNkronos.com il 12-01-2016

Libri: Fo racconta la storia eroica di uno zingaro che sfidò il nazismo Domani il premio Nobel presenta il suo nuovo romanzo basato su una vicenda vera

Dario Fo ha scritto un nuovo romanzo e lo presenta domani, a casa sua, a Milano. Una scelta singolare, come la storia che ci vuole raccontare. Si intitola "Razza di zingaro" (edito da Chiarelettere) ed è la storia (vera) eroica e tragica di un pugile, Johann Trollmann, che divenuto un campione di pugilato sfidò il nazismo. Era nato nel dicembre 1907, a Wilsche, nella Bassa Sassonia da una famiglia di etnia sinti, e morì a meno di quarantanni, nel 9 febbraio del 1943, nel campo di concentramento di Neuengamme, vicino Amburgo. 'Zingaro' è qualcuno che appartiene al gruppo etnico migrante, disperso in numerosi paesi d'Europa, nella Turchia asiatica, in Persia, Turkestan, Afghanistan, Belucistan, Siberia, Egitto, sulla costa settentrionale dell'Africa e perfino nell'America Settentrionale e Meridionale. Così, almeno, ci spiega l'enciclopedia Treccani, aggiungendo che "si distingue dai popoli vicini e da coloro che li ospitano per lingua, costumi e caratteri fisici". [continua a leggere...]

 

Da domani in libreria RAZZA DI ZINGARO di Dario Fo: la storia di un campione di boxe al tempo del nazismo

Una storia unica e vera, un romanzo commovente di uno zingaro campione di boxe al tempo del nazismo.

 

Lui è Johann Trollmann (1907-1943), pugile sinti nella Germania nazista, il più bravo di tutti, ma c’è un particolare: è uno zingaro.

La vita di Johann comincia subito di corsa, da quando, bambino, scopre la boxe e sale sul ring portando con sé i valori e la tradizione della sua gente, e guadagnando strepitose vittorie, una più emozionante dell’altra, con il pubblico (soprattutto femminile) in visibilio.

Ma uno zingaro non è come gli altri tedeschi: come può rappresentare la grande Germania alle Olimpiadi del 1928? Le strade del successo ben presto gli vengono sbarrate, il clima politico peggiora, il nazismo travolge tutto, anche la sua vita e quella della sua famiglia. Non importa che Johann sia il più bravo, il titolo di campione dei pesi mediomassimi gli verrà negato, nonostante la vittoria sul ring.

Da quel momento la sua vita diventa impossibile: prima il divorzio cui è costretto per salvare la moglie e la figlia, poi la sterilizzazione, la guerra cui partecipa come soldato e infine il campo di concentramento e l’ultima sfida, quella decisiva, contro il kapò, che vincerà, e per questo sarà punito. Con la morte.

Dario Fo, grazie a una ricerca meticolosa e storicamente ineccepibile di Paolo Cagna Ninchi, ancora una volta recupera una vicenda vera e dimenticata e la propone in una vibrante ricostruzione narrativa alla nostra attenzione distratta: un modo efficacissimo per parlare indirettamente del presente che non vogliamo vedere.

Solo di recente la Germania ha riconosciuto il valore e l’autenticità di questa storia consegnando alla famiglia Trollmann la corona di campione dei pesi mediomassimi negata a Johann ottant’anni prima.

Dario Fo, premio Nobel per la letteratura, ha pubblicato per Chiarelettere LA FIGLIA DEL PAPA (2014), C’È UN RE PAZZO IN DANIMARCA (2015), UN UOMO BRUCIATO VIVO (con Florina Cazacu, 2015), NUOVO MANUALE MINIMO DELL'ATTORE (con Franca Rame, 2015). Recentemente per Guanda editore ha pubblicato CIULLA, IL GRANDE MALFATTORE (con Piero Sciotto, 2014) e STORIA PROIBITA DELL'AMERICA (2015). Nel frattempo continua la sua attività pittorica con mostre ed esposizioni in varie città, non solo italiane. Le sue commedie continuano a essere rappresentate in tutto il mondo. Dopo FRANCESCO Dario Fo ha portato con successo sugli schermi di Rai 1 la storia della Callas nello spettacolo omonimo con Paola Cortellesi. 

 

Razza di Zingaro edito da Chiarelettere, Collana Narrazioni, pp. 172, Euro 16,90 

 

 

Dario Fo porta in scena STORIA PROIBITA DELL'AMERICA al Teatro Duse di Bologna dal 29 gennaio 2016

 

 

STORIA PROIBITA DELL’AMERICA

Scritto e interpretato da Dario Fo

Assistente alla regia

Fabrizio De Giovanni

Con la collaborazione di

Chiara Porro, Jessica Borroni, Luca Vittorio Toffolon

Direttore di scena

Maria Chiara Di Marco

 

Spettacolo tratto dal libro "Storia Proibita dell'America"

I film di Hollywood raccontano le vicende degli indiani sconfitti. Ma ignorano la storia dell’unica tribù che non si arrese mai: i Seminole, una società matriarcale e pacifica, nemica della schiavitù, con protagonisti indimenticabili. Come John Horse, un nero scatenato capace di truffare i bianchi e di conquistare alla causa del suo popolo gli schiavi delle piantagioni facendo comizi-spettacolo. O come Mae Tiger, condottiera meticcia che organizzerà una decisa ed energica azione culturale. O James Billie, veterano seminole del Vietnam che dovrà affrontare, al ritorno in patria, il nemico più insidioso, la droga, e per difendere la sua gente sbaraglierà le truppe del narcotraffico. Un’incredibile storia di resistenza umana e comunitaria lunga secoli, dai primi insediamenti in Florida allo sbarco dei conquistadores spagnoli, alle battaglie contro le truppe inglesi e poi statunitensi, scritta come un romanzo da un grande ribelle del nostro tempo.

 

QUANDO

  • venerdì 29 gennaio 2016 - Ore 21.00
  • domenica 31 gennaio 2016 - Ore 16.00

DOVE

 

     • Teatro Duse di Bologna

 

Acquista i biglietti online - Clicca qui

Per maggiori informazioni - Clicca qui

 

 

 

DARIO FO RACCONTA LA FANTASTICA STORIA DI MARC CHAGALL A BRESCIA IL 16 GENNAIO 2016

Un eccezionale ed emozionante racconto da non perdere: il 16 gennaio, al Teatro Grande di Brescia, il premio Nobel porta per la prima volta sul palcoscenico la vita del grande pittore russo.

Ho scoperto la pittura di Marc Chagall a Parigi quando, appena dopo la guerra, ci sono arrivato che avevo vent’anni. Anche Chagall ai primi del secolo, per la prima volta, arrivò nella capitale francese a quell’età: aveva vinto una borsa di studio in Russia che gli permetteva di vivere dignitosamente nella cosiddetta capitale dell’arte e di studiare i grandi maestri dell’Impressionismo e di tutti gli altri nuovi movimenti pittorici.

Nel tempo in cui mi trovavo a Parigi ho avuto la fortuna di poter assistere alla più grande mostra di Chagall del dopoguerra. C’erano dipinti come la passeggiata del pittore che tiene per mano la moglie, Bella, così si chiamava, che vola un po’ più in alto nell’aria con un’espressione soddisfatta e un sorriso deliziato.

C’era il ritratto dei due innamorati che si baciano con tenerezza e un nudo della sua compagna davvero splendido che, a quel tempo, avevo riprodotto.

Dario Fo

Fondazione Brescia Musei in collaborazione con Fondazione del Teatro Grande di Brescia, a corollario della mostra MARC CHAGALL – Anni russi 1907-1924, organizzano un evento straordinario che vedrà protagonista il Premio Nobel Dario Fo.

Il 16 gennaio alle 21.00 Dario Fo porta in scena per la prima volta in assoluto il suo personale racconto della vita di Marc Chagall. Dove? A Brescia, nel magnifico Teatro Grande.

Autore ed attore straordinario, Fo propone al pubblico una lezione spettacolo in cui la vita di Marc Chagall e dello stesso Dario Fo, si fondono idealmente sul palcoscenico, pur senza essersi mai toccate nella realtà, in un eccezionale incontro poetico.

Una narrazione nata dalla mostra MARC CHAGALL, Anni russi 1907-1924 che sta emozionando l’Italia intera al Museo Santa Giulia di Brescia, dove il Premio Nobel guida lo spettatore attraverso la vita di Chagall con contributi visivi e testuali in un percorso in diciotto tappe appositamente realizzato per l’occasione.

Un racconto, disponibile fino al 15 febbraio, e possibile grazie a ben 35 opere preziose, tra cui straordinari capolavori e rari dipinti da collezioni private russe.

(Per maggiori informazioni clicca qui)

Da sabato 19 dicembre sarà possibile acquistare i biglietti per l’imperdibile spettacolo di Dario Fo su Marc Chagall sia presso la biglietteria del Teatro Grande sia online sul sito www.vivaticket.it.

 

 

 

Quando Dario Fo fingeva di essere il maestro Chagall

Articolo pubblicato su La Repubblica il 3 gennaio 2016

Clicca sull'immagine per scaricare il PDF

 

Dario Fo: Mistero Buffo a colori - galleria fotografica asta/mostra Vercelli

Venti opere di Dario Fo all'asta a Vercelli (domenica 13 dicembre alle ore 18.00)

Per maggiori info clicca qui

 

 

Dario Fo: Il Riso è Sacro - Favola per bambini

 

 
Condividi contenuti